News dallo Spif Ar - Spif Ar

Vai ai contenuti

LO SPIF AR SI AFFIDA AL NUOVO GOVERNO

Spif Ar
Pubblicato da in LAVORO ·
[image:image-0]Caltanissetta, 18 giugno 2018,

Alla Ministra della Salute On.le Giulia Grillo

Al Ministro del Lavoro On.le Luigi Di Maio

Egregio Signor Ministro,

Congratulandomi con Lei per l’incarico rivestito nel Governo degli Italiani, in qualità di Segretario Regionale dello Spif AR sindacato rappresentativo le professioni Sanitarie dell’area Riabilitativa, riconosciute dal Ministero della Salute, mi permetto di esporLe e segnalarLe una delle problematiche più gravose che riguardano il mondo del lavoro di suddette professioni:

L’utilizzo indiscriminato delle Partita IVA (FALSE PARTITA IVA)

Purtroppo molte aziende del privato convenzionato ed Enti Pubblici che svolgono attività Sanitaria in ambito Riabilitativo, continuano ad avvalersi di professionisti Sanitari (Fisioterapisti, Logopedisti, Tnpee ecc.) in regime di attività libero professionale eludendo, di fatto, il rapporto contrattuale a tempo indeterminato e contravvenendo a

quanto disposto dal comma 26 dell’art 1 della legge 92/2012 che introduce l’art. 69 bis al decreto legislativo 276/2003, indi , lo scatto automatico della presunzione di subordinazione e di fatto, l’obbligo per le aziende di assumere i dipendenti.

Molti dei nostri colleghi laureati nelle nostre università, sono “costretti” ad accettare determinati condizioni subdole, con pagamenti fittizi ed irrisori e soprattutto, con il silenzio delle stesse Istituzioni che dovrebbero verificare determinati requisiti, che non soltanto strutturali ma legati soprattutto all’organico.

In maniera più dettagliata, ogni struttura in regime di convenzione, “dovrebbe” avere dei requisiti strutturali, tecnologici ed organici adeguati a GARANTIRE all’utenza un servizio qualitativamente valido ed in riferimento alla tipologia di convenzione pattuito con le ASL di riferimento, l’obbligo di assumere a tempo indeterminato detto personale della Riabilitazione.

Orbene, nella realtà, il “contravvenire” ai capitolati di appalto, utilizzando i rapporti di lavoro in regime di partita IVA (FALSA PARTITA IVA), a discapito di migliaia di professionisti Sanitari della Riabilitazione che non possono usufruire delle proprie ferie e/o di eventuali malattie e dei contributi pensionistici, sta rendendo questo fenomeno sempre più dilagante, a discapito dei nostri colleghi ed a favore di certi “imprenditori”

Sono anni che denunciamo tali violazioni. Ci siamo rivolti anche alle varie Procure d’Italia, alle ASP di competenza, che dovrebbero vigilare, facendo riferimento a leggi e

norme, ma purtroppo nulla si è mosso e tutto continua imperterrito nel silenzio delle Istituzioni danneggiando i lavoratori.
Egregio Signor Ministro, non possiamo più permettere questo scempio.
Lei che rappresenta il Governo del Cambiamento è la nostra unica speranza affinché cambi realmente questa situazione.
Noi, cittadini Italiani e professionisti Sanitari dediti alla Salute delle persone, ci affidiamo al Suo buon senso, alla propensione del Governo degli Italiani, ed alla politica onesta.

Voglia gradire, Signor Ministro, cordiali saluti.

Segretario Regionale Sicilia Spif Ar
Dott. Francesco Locicero




Sindacato Professionale Italiano Fisioterapisti e Area Riabilitativa
C/da Serra Del Pantano snc, 93100 Caltanissetta
P. IVA : 06225950960 Codice Fiscale : 95106390107
Torna ai contenuti