News dallo Spif Ar - Spif Ar

Vai ai contenuti

Obbligo per i FISIOTERAPISTI all’invio dei dati al sistema tessera sanitaria.

Spif Ar
Pubblicato da in LIBERA PROFESSIONE ·
Obbligo per i FISIOTERAPISTI all’invio dei dati al sistema tessera sanitaria.
 
 
Con l’entrata in vigore del DECRETO DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA E FINANZE DEL 22 NOVEMBRE c.a., pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n 284, oltre ai soggetti obbligati dall’anno 2015 (farmacie, strutture specialistiche pubbliche e private accreditate, gli iscritti all’ordine dei medici chirurghi e odontoiatri) e quelli obbligati dall’anno 2016  (strutture autorizzate ai sensi dell’ articolo 8-ter Dlgs 502/1992  e strutture autorizzate alla vendita al dettaglio dei medicinali veterinari ai sensi dell’articolo 70, comma 2, Dlgs193/ 2006, parafarmacie, ottici, iscritti agli albi professionali degli psicologi, infermieri, ostetrici, medici veterinari, tecnici sanitari di radiologia medica), a partire dal 2019 sono tenuti all’invio dei dati di spesa sanitaria privata anche gli iscritti all’Albo dei Fisioterapisti.
 
Vedi sotto l’elenco
 
·         Le strutture della sanità militare;
 
·         La farmacia assistenziale dei mutilati e invalidi di guerra e del lavoro (ANMIG);
 
·         Gli iscritti all’albo dei biologi;
 
·         Gli iscritti ai nuovi Albi delle professioni sanitarie istituiti dal decreto del Ministero della salute del 13 marzo 2018:
 
o    Tecnico sanitario di laboratorio biomedico;
 
o    Tecnico audiometrista;
 
o    Tecnico audioprotesista;
 
o    Tecnico ortopedico;
 
o    Dietista;
 
o    Tecnico di neurofisiopatologia;
 
o    Tecnico fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare;
 
o    Igienista dentale;
 
o    Fisioterapista;
 
o    Logopedista;
 
o    Podologo;
 
o    Ortottista e assistente di oftalmologia;
 
o    Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva;
 
o    Tecnico della riabilitazione psichiatrica;
 
o    Terapista occupazionale;
 
o    Educatore professionale;
 
o    Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro;
 
o    Assistente sanitario.
 
 
QUALI SONO I DATI DA INVIARE?
 
 
L’obbligo riguarda i dati dei documenti di spesa (scontrini, fatture, ricevute) rilevanti per la detrazione delle spese sanitarie del cittadino. In particolare, vanno inviate tutte le fatture relative a prestazioni sanitarie, certificative, a carattere peritale rilasciate a persone fisiche. Nel caso dell’attività del medico competente, non vanno inviate le fatture rilasciate al datore di lavoro anche se persona fisica. Ai fini dell’invio non rileva il fatto che la fattura sia gravata o meno da IVA.
 
 
COSA DEVE FARE L’EROGATORE QUANDO IL PAZIENTE/CITTADINO RIFIUTA L’INVIO DELLA SPESA AL SISTEMA TS?
 
L'art. 3 del DM 31-7-15 (richiamato anche dai decreti ministeriali del 2 agosto e del 16 settembre 2016) precisa che il cittadino ha diritto di opporsi oralmente, quindi non si deve né si può chiedere di firmare dichiarazioni, comunicazioni o altro. Se il cittadino si oppone, l’erogatore deve annotare sia sulla propria copia, sia sull’originale della fattura da consegnare al cliente la frase:
 
"Il paziente si oppone alla trasmissione al Sistema TS ai sensi dell’art. 3 del DM 31-7-2015"


 
 



Sindacato Professionale Italiano Fisioterapisti e Area Riabilitativa
C/da Serra Del Pantano snc, 93100 Caltanissetta
P. IVA : 06225950960 Codice Fiscale : 95106390107
Torna ai contenuti